Creano il primo hamburger da laboratorio

Sembra che per la prima volta possiamo parlare del creazione del primo hamburger prodotto in laboratorio, e non proprio - dal corpo di una mucca, che potrebbe diventare il primo passo per la produzione di carne in un modo molto più sostenibile, risparmiando sofferenza agli animali e con un minore impatto ambientale.

Per la sua creazione, i ricercatori dell'Università di Maastrich (Paesi Bassi) hanno estratto le cellule staminali dalla spalla di una mucca. Con loro hanno creato raccolti che, durante tre settimane, sono stati sviluppati e moltiplicati. Quindi, quei gruppi di cellule furono collocati in altri contenitori in cui queste cellule iniziarono ad organizzarsi formando piccole strisce di muscoli, che alla fine divennero gli hamburger.

Il risultato è più che evidente: secondo l'esperto di nutrizione Hanni Rützler, "è qualcosa di simile alla carne"; anche se il nutrizionista ha mancato il grasso che tende ad accompagnare il muscolo stesso negli hamburger di animali.

Chiedendo ai ricercatori la sicurezza e i rischi di questo prodotto fabbricati in laboratorio, assicurano che "è lo stesso tessuto della mucca e della carne", quindi "non deve essere meno sicuro della carne normale".

Molti vantaggi, non solo economici ma anche ambientali

Anche se può sembrare difficile da pensare, il fatto è che le mucche sono inefficienti quando si tratta di produrre cibo: per produrre 15 grammi di proteine ​​animali sono necessari 100 grammi di proteine ​​vegetali.

Tuttavia, con il nuovo sistema, dato che tutte le variabili sono controllate, è possibile migliorare l'efficienza, lo spazio sarebbe stato salvato e la deforestazione sarebbe stata ridotta, e tutto ciò sarebbe stato fatto senza produrre metano come fanno le mucche.

Inoltre, e qui è la cosa più importante, la sofferenza non verrebbe inflitta agli animali, come lo è il modo attuale di produrre carne.

Via | The Journal Questo articolo è pubblicato solo a scopo informativo. Non puoi e non devi sostituire la consultazione con un Nutrizionista. Ti consigliamo di consultare il tuo nutrizionista di fiducia.

McDonald's: come si prepara un Big Mac (Luglio 2024)