Scopri la storia di Hachikō, il fedele cane del Giappone

Nel corso della sua lunga e lunga storia, il Giappone ci ha lasciato storie e storie da ricordare. Molti di loro possono essere semplici miti o leggende senza alcun fondamento. Tuttavia, ci sono altri che, nonostante abbiano molti decenni dietro di loro, hanno servito come lezione per milioni di persone in tutto il mondo.

È il caso di Hachikō, il cane di Akita protagonista di questa storia pieno di amore, fiducia, lealtà e soprattutto fedeltà verso il suo amico, maestro e compagno.

Mettendo un po 'in secondo piano, la nostra amata lattina è nata lontano dalla folla impazzita. Lo fece proprio in una fattoria nella città di Odate, nei pressi della prefettura di Akita, intorno al 1924. Hachikō fu rapidamente rimosso da sua madre e dai suoi fratelli per dirigersi verso una città grande come Tokyo. Tuttavia, il nostro protagonista non è durato a lungo solo nella capitale del paese del Sol Levante.

Hachikō e il suo maestro diventano amici inseparabili

Appena arrivato alla stazione di Shibuya, è arrivato nelle mani di Eisaburo Ueno, un umile professore del Dipartimento di Agricoltura dell'Università di Tokyo. Va detto che questo insegnante giapponese all'inizio era un po 'riluttante a stare con questo Akita. Questo perché il suo cane precedente era morto solo poche settimane fa, lasciandolo con un grande dolore e vuoto.

Anche se questo sembrava importare molto poco al protagonista del cane di questa storia. Poco dopo essersi sistemato nella casa del suo nuovo proprietario, sia Eisaburo che Hachikō divennero amici inseparabili. Questo fu ulteriormente aumentato quando la figlia di questo professore di Tokyo divenne indipendente e lasciò la casa completamente sola per loro due.

È stato da questo momento in cui cane e padrone sono diventati unghie e carne. Tanto che Hachikō ha sempre accompagnato il signor Ueno alla stazione ferroviaria per salutarlo e augurargli buona fortuna nel suo lavoro. Questo è diventato una sorta di routine. In una sorta di test d'amore inconfutabile tra le due parti. In realtà, questa storia curiosa ha cominciato a diventare famosa in tutti i quartieri di quel tempo, un fatto che ha portato a questo cane è diventato noto anche negli angoli più inospitali del Giappone.

La sfortuna pende su Hachikō

Tuttavia, il 21 maggio 1925, la sfortuna aleggiava su questi due amici. Eisaburo Ueno è morto di infarto mentre insegnava all'Università di Tokyo contro ogni previsione. Di fronte a questo sfortunato risultato, Hachikō era di nuovo solo al mondo. Inoltre, questo cane non poteva assimilare che aveva perso il suo padrone per sempre e quindi continuava ad aspettarlo ogni giorno alla stazione ferroviaria come aveva fatto molto tempo fa.

Ma si è reso conto che l'insegnante non è mai tornato. Non scese mai dal treno dalla stazione di Shibuya come sempre faceva abitualmente. Stava succedendo qualcosa. Hachikō sapeva che qualcosa doveva essere successo al suo fedele compagno. Ma a lui non importava. Lì rimase alla stazione per nove lunghi anni fino alla sua morte nel 1935.

Nonostante la sua morte, l'eredità di questo animale domestico rimane valida fino ad oggi. Ci ha mostrato che l'amore e l'amicizia sono uno dei valori più importanti che gli esseri umani hanno.

Hachikō ci ha dato la lezione che dobbiamo essere sempre dalla parte dei nostri cari. Non solo nei momenti di massima felicità. Ma anche in quei momenti di disgrazia dove tutto sembra perduto.

Topos gli abitanti del Giappone furono così affascinati da questa storia che nel 1947 una grande statua di bronzo fu eretta nella sua memoria, proprio nella stessa stazione di Shibuya dove Hachikō aspettava il suo amico in un modo fervente. Numerose leggende e miti raccontano che chiunque tocchi il grembo di questa figura, tornerà nella città giapponese di Tokyo un'altra volta nella sua vita, ma questa volta accompagnato da una persona amata o da un partner che elaborerà l'amore e la fedeltà eterni.

Crediti delle immagini - Wiki Commons

HACHIKO: Cane più famoso del Giappone (Agosto 2020)