Bambino competente o competitivo?: Come guidare i nostri figli

L'istruzione è sempre stata importante in tutte le società, anche se è vero che nel secolo in cui viviamo, sta diventando più importante in quanto diversi modi di educare appaiono, dal momento che abbiamo più informazioni e supporto da specialisti.

Ci sono due parole che a prima vista possono essere riconosciute come simili, ma se ci addentriamo in esse sono totalmente diverse. Viviamo oggi in una società competente o competitiva? Potremmo considerarli come una qualità o un difetto? Sapremo come guidare i nostri figli tra questi due termini?

Oggi viviamo in una società in cui l'apparenza e la superficialità abbondano in una certa misura. Ci viene insegnato che dobbiamo essere buoni, migliori e più qualificati di altri, ma sappiamo davvero la differenza tra queste due parole?

Differenza tra competente e competitiva

Comprendiamo competente come la persona che ha competenza e che cos'è la concorrenza? Persona o gruppo di persone che hanno l'attitudine a fare qualcosa o ad intervenire in una determinata questione.

Osserviamo che entrambe le parole sono direttamente correlate, tuttavia la competizione è direttamente correlata alla competizione. E sappiamo tutti che quando gareggiamo vogliamo essere migliori degli altri.

Fortunatamente, la filosofia delle aziende che cercano di essere competenti e non competitive sta crescendo. Allena i tuoi lavoratori come una squadra e non individualismo.

E se i nostri figli sono il futuro che ci attende, li stiamo veramente educando sotto quale termine?

Insegnagli a essere competenti fin dall'inizio

Per raggiungere questo scopo devono essere educati all'autostima, alla responsabilità, al rispetto per gli altri e alla perseveranza. Sotto lo sport oltre ad apprendere questi concetti si divertiranno e miglioreranno i loro atteggiamenti.

Superare e imparare a gestire le proprie emozioni li aiuterà a superare le sfide per se stessi, l'iperprotezione non li aiuterà in modo positivo. Ciò che accadrebbe sotto l'educazione della competitività porterebbe a non riuscire a raggiungere le loro sfide potrebbe sorgere un comportamento aggressivo a causa di rabbia e frustrazione.

La loro autostima potrebbe essere danneggiata, quindi dobbiamo essere in grado di valutare e migliorare le competenze del bambino senza essere influenzato dai risultati che non ha raggiunto. Incoraggiali a notare che sono in grado di raggiungerlo e ottenere sicurezza per non ottenere un risultato concreto.

Consigli utili per guidare i nostri bambini

Sappiamo che i bambini imitano i loro genitori in molte occasioni, dato che sono l'esempio da seguire: la cosa migliore è non mostrare loro atteggiamenti competitivi in ​​qualsiasi situazione.

  • Ti aiuterà a non essere paragonato ai tuoi fratelli, amici o colleghi. Potresti pensare che i tuoi genitori non ti amano.

  • Aiutalo a sapere come vedere le sue qualità e ad accettare se stesso così com'è. Perché se non potessero invidiare le altre persone per quello che hanno o per quello che sentono meno.

  • Insegnagli ad avere un atteggiamento positivo. Se non raggiungi l'obiettivo, incoraggiatelo a fare ciò che può per superarlo.

  • Educalo in modo che possa permettersi di sbagliare ed essere in grado di prendere decisioni. Superare le sfide e capire che non sempre tutto andrà come vuole.
Questo articolo è pubblicato solo a scopo informativo. Non puoi e non devi sostituire la consultazione con un pediatra. Vi consigliamo di consultare il vostro pediatra di fiducia.

Timothy Bartik: The economic case for preschool (Dicembre 2019)